IL FLAUTO MAGICO E ALTRE MERAVIGLIE

Sabato 24 maggio al Teatro Lirico si è svolta una conferenza stampa dal titolo "Il Flauto Magico" e altre meraviglie.

Nel corso dell'incontro il sovrintendente Mauro Meli ha illustrato i risultati dei primi mesi dalla sua gestione e ha dato la parola ai lavoratori del Teatro e agli artisti impegnati nella produzione dei concerti e delle opere in programmazione. La conferenza stampa è stata trasmessa integralmente in live streaming sul canale web-tv del Teatro.

Ecco la registrazione integrale del video.

Pubblichiamo l'articolo che il quotidiano L'Unione Sarda ha dedicato all'incontro.

Crescono spettacoli e abbonamenti,
apertura ai giovani e alle nuove tecnologie

Non hanno un diapason, i tre fanciulli del “Flauto Magico” apparsi d'incanto all'insolita conferenza del Lirico di Cagliari. E allora Jacob, Elias e Valentin prendono il La da un' applicazione dello smartphone. Un istante per trovare la nota, pochi secondi di coro a cappella per sintetizzare in una suggestione i punti di forza del Lirico di Mauro Meli: apertura ai giovani e alle nuove tecnologie.
“Il flauto magico e altre meraviglie” era il titolo dell'incontro. E le “meraviglie” illustrate dal sovrintendente e dal suo consulente Sergio Benoni, sono il ritorno ai 9000 abbonati che riportano Cagliari ai vertici nazionali, dopo La Scala di Milano e il Regio di Torino. Sono i biglietti scontati per i ragazzi, e quel 40% in più di incassi e presenze per “Norma”. Le alzate di sipario che passeranno da 158 a 206 a fine 2014.
La meraviglia - ha aggiunto il direttore di produzione Marco Maimeri - è un teatro che ha superato le tempeste con la forza delle sue professionalità: 220 dipendenti stabili e un numero variabile di collaboratori. Precari indispensabili come lo staff della sartoria, rappresentato da Mino Fadda; precari-colonne del teatro, come Sabrina Cuccu, architetto-scenografo direttore degli allestimenti scenici.
Meli li ha chiamati tutti, e con loro Eugenio Milia, responsabile artistico dell'attività nel territorio, Gianmaria Melis, primo violino, Nicola Fioravanti. promotore di un'iniziativa di programmi gratuiti applicati alla musica che mettono insieme idee dei giovani, finanziamenti di sponsor illustri e spazi del teatro.
Ha chiamato Markus Werba, Papageno, e Nadine Sierra, Pamina. E Massimiliano Medda. Che in questa stagione conduce gli studenti a cogliere l'essenza delle opere in cartellone. Lui le racconta come sa fare; la musica fa il resto.
Martedì mattina sarà una corroga beccia spinniara , un amico chiacchierone di Papageno. Infine Pinuccio Sciola, scenografo della “Turandot” che segnerà l'estate del teatro (e si spera del Parco della musica). E l'assessore comunale Enrica Puggioni, che ha sottolineato l'importanza, per “Cagliari Capitale della cultura”, di una Fondazione lirica che solo la nostra città, tra le 5 aspiranti, può vantare.
Maria Paola Masala
L'UNIONE SARDA - 25 maggio 2014

Investi in cultura!

Iscriviti