Forte Arena 2017

foto Priamo Tolu

 

Lo splendore della Mantova cinquecentesca in Rigoletto 
alla Forte Arena di Santa Margherita di Pula

Sabato 10, sabato 17 e sabato 24 giugno, sempre alle 21.30, viene inaugurata la Stagione Estiva 2017 della Forte Arena di Santa Margherita di Pula (Cagliari) con il grande e amatissimo melodramma verdiano: Rigoletto, nell’allestimento del Teatro Lirico di Cagliari che esalta la magnificenza architettonica della Mantova dei Gonzaga.

Si tratta di un coinvolgente allestimento di Joseph Franconi Lee, da un’idea di Alberto Fassini, regista scomparso nel 2005 e cresciuto alla grande scuola di Luchino Visconti, e Alessandro Ciammarughi, scenografo-costumista, moderno interprete di una classica visualità, che hanno affrontato l’opera di Giuseppe Verdi attraverso un’ideale rilettura dello splendore della corte del Duca di Mantova, nella quale, fra intrighi e feste danzanti, nasce e si sviluppa, fino al drammatico finale, la tragedia umana, sociale e familiare di Rigoletto.

L’allestimento scenico cagliaritano che abbraccia completamente il vasto palcoscenico della suggestiva Forte Arena, 50 metri di larghezza, 26 di profondità e 32 di apertura di boccascena (esattamente il doppio di quella del Teatro Lirico), riproduce, con sapiente fedeltà storica, lo splendore della Mantova cinquecentesca della corte del Duca Federico II Gonzaga, mecenate illuminato e munifico protettore delle belle arti. All’alzarsi del sipario sul quadro primo, uno stupendo ninfèo all’aperto con fontana centrale e due enormi porte del palazzo ducale, sulle quali troneggiano 4 ninfe dorate e gli stemmi lignei dei Gonzaga, accolgono la festa, giunta ormai al suo culmine. L’aristocratico splendore del palazzo ritorna nel salotto del Duca dell’atto II, ricco di stucchi, oro zecchino e preziosi tendaggi.

L’ispirazione manierista rimane intatta nel quadro secondo dell’atto primo con la casa di Rigoletto e la strada antistante e nell’atto III con la taverna di Sparafucile e la riva del fiume Mincio, ricche di riferimenti all’opera artistica di Giulio Romano e della sua scuola (l’uso del bugnato e del mattone).

La medesima ricerca storica ha interessato la realizzazione dei 120 costumi, dal vastissimo cromatismo e ampia varietà di tessuti, di questo allestimento di Rigoletto. Pregiati velluti, raffinate sete e preziosa passamaneria d’oro caratterizzano gli abiti dei protagonisti e dei cortigiani, completi di calzature, gioielli, guanti e cappelli abbinati di foggia olandese e tedesca. Numerosi e precisi i riferimenti alla pittura del Cinquecento; Giovan Battista Moroni (1529 circa - 1578) per i costumi maschili, Agnolo di Cosimo detto il Bronzino (1503 - 1572) per quelli femminili, Lorenzo Lotto (1480 circa- 1556) per l’abito di Maddalena, mentre quello di fastosa seta bianca della Contessa di Ceprano è ispirato alla celebre tela L’Amor sacro e l’Amor profano (1515) di Tiziano (1490 circa - 1576). Dalle nature morte di Pieter Bruegel il vecchio (1526 circa - 1569), infine, proviene il riferimento pittorico per la complicata stiratura delle tovaglie di lino bianco che «vestono» le due piattaie a Palazzo Ducale.

Tante le novità tecniche realizzate per ospitare l’imponente allestimento: per la prima volta, al centro del palcoscenico della Forte Arena, è stato montata una struttura girevole, di 15 metri di diametro, che consente la rotazione e il rapido cambio delle scene a vista. Il palcoscenico ha accolto, da metà maggio, il materiale scenico dei tre atti e quattro quadri dell’opera; tutto realizzato nei laboratori del Teatro Lirico di Cagliari e in tre diversi laboratori scenotecnici di Roma, specializzati nel trattamento della resina e nella realizzazione di sculture in fibre plastiche.

9 tir di materiale scenico, costumi ed attrezzeria varia, oltre a 300 persone circa tra professori d’orchestra, artisti del coro, cantanti, figuranti, corpo di ballo, tecnici e personale del Teatro Lirico di Cagliari sono impegnati per la produzione artistica che segna l’estate cagliaritana.

La Forte Arena è un suggestivo anfiteatro naturale con una capienza di 5000 posti, immerso nella natura incontaminata della costa sud-occidentale della Sardegna. Le tre rappresentazioni dell’opera Rigoletto rientrano nel Progetto “Rifunzionalizzazione del Parco della Musica e del Teatro Lirico di Cagliari - Internazionalizzazione e innovazione delle produzioni anche per la valorizzazione turistico-culturale degli attrattori territoriali”. Finanziato dal Piano d’Azione Coesione “Progetti strategici di rilevanza regionale” che valorizzano le priorità del POR FESR nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020, realizzato e promosso in collaborazione con l’Unione Europea, il Governo Italiano e la Regione Sardegna.


Informazioni biglietteria

Prezzi biglietti: platea (posto unico) € 40 (intero), € 20 (ridotto).

La riduzione del 50% è applicata agli abbonati alle Stagioni lirica e di balletto e concertistica 2017 e ai giovani under 30.

Servizio bus-navetta

Per informazioni e vendita
Box Office, viale Regina Margherita 43, 09124 Cagliari; 
dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, 
telefono 070657428

Progetto “Rifunzionalizzazione del Parco della Musica e del Teatro Lirico di Cagliari – Internazionalizzazione e innovazione delle produzioni anche per la valorizzazione turistico-culturale degli attrattori territoriali”. Finanziato dal Piano d’Azione Coesione “Progetti strategici di rilevanza regionale” che valorizzano le priorità del POR FESR nell’ambito della Programmazione Unitaria 2014-2020.

Guida all’ascolto

Conferenza di presentazione della trasferta a New York

Iscriviti